Si è verificato un errore nel gadget

Archivio blog

21 febbraio 2007

19 febbraio 2007

Su Google Video un nuovo clip

Miniclip e sfacciato spot- Fucci a Vinilmania - Google Video

Un piccolo riassunto visivo sulla giornata del 3 febbraio. E uno spot un po' sfacciato che parte dalle parole di Scuffietti e....

18 febbraio 2007

BAMIYAN -AFGHANISTAN- LUGLIO 1977




























Quando queste vecchie foto del luglio 1977, sono riapparse da una scatola , sono restato senza parole.

L’Afghanistan, la guerra, la pace, la distruzione dei buddha.. una trottola vorticosa di ricordi.

Bamiyan si trova in una vallata lungo la Via della Seta dove, sotto una parete di roccia alta un centinaio di metri, i monaci buddhisti hanno aperto centinaia di fori e caverne, piccoli templi, luoghi di preghiere e cellette per eremitaggi.
In due caverne molto grandi monaci scolpirono due grandi statue del loro dio e ricoprirono le pareti con affreschi.

In quell’incanto una jeep dell’Unesco si ferma, al suo interno una bellissima signora ci fa segno di seguirla: un invito inaspettato. A casa conosciamo tutta la sua famiglia, Il marito era “provveditore agli studi” della provincia, i bimbi sono bellissimi, ma la cosa che ci sorprende è la grande curiosità della signora che,pur non parlando alcuna lingua europea , cerca di memorizzare ogni particolare del nostro nostro gruppo: due uomini e tre donne, impegnato in quella avventura.
La tappa seguente sarebbe stata Bandi A Mir: i sette laghi di origine vulcanica con le acque color lapislazzulo , in mezzo al deserto, nell’ovest dell’Afghanistan,incastonati a 3000 metri da montagne che ricordano i grandi Canyon Americani.

Mentre lasciavamo quella splendida valle

per raggiungere Bandi A Mir ,osserviamo un simpatico signore che comunica con una radio a galena e il suo bellissimo bambino.Rifletto su cosa può essere rimasto di tutto questo. I buddha sono stati distrutti come è stato distrutto questo popolo bello, fiero e sempre sorridente.
Fermiamo la guerra. Fermiamo la guerra. Fermiamo la guerra.

Sempre.